Chitarra battente

 

La chitarra battente ha la forma di un otto allungato, un po' più stretta delle normali chitarre. Le fasce laterali sono costituite di doghe in legno (palissandro o acero). Il fondo è bombato e anch'esso costituito di doghe come le chitarre antiche. Il piano armonico è quasi sempre in abete. Nella buca vi è inserita una decorazione chiamata rosa. Non credo abbia una funzione acustica, è possibile che anticamente servisse ad occultare l'interno dello strumento. La tastiera è allo stesso livello del piano armonico e reca non più di dodici tasti. Il ponticello è mobile, non fissato al piano armonico, e regge cinque coppie di corde di metallo di eguale spessore (il mi cantino di una chitarra acustica), accordate all'unisono e fissate direttamente alla fascia posteriore. Non ci sono bassi.
L'eguale spessore delle corde consente al musicista di poter accordare lo strumento a proprio piacimento e secondo le proprie esigenze, ma solitamente viene utilizzata l'accordatura standard: E B G D e A (dalla prima alla quinta). Ovviamente la quarta e quinta corda (D e A) saranno più gravi soltanto di un tono rispetto alle prime due (E e B). La terza (G) è la corda più grave. Tale accordatura è detta incrociata e produce un'enorme quantità di armonici. Ciò rende il suono della battente particolarmente indicato per fondersi con la voce umana.
 

 
La chitarra battente
 
back to musical instruments